Uno stand di successo: Materiali e Design

Uno stand di successo: Materiali e Design

Breve guida alla scelta dei materiali ideali e dello stile perfetto per far emergere il tuo stand.

La prima cosa da fare per progettare uno stand fieristico che sia efficiente ed allo stesso tempo funzionale per il cliente è, da parte del designer, un’approfondita intervista, che contenga tutte le info utili per capire il contesto dello stand, il target di riferimento, ma soprattutto, che abbia una dettagliata descrizione del prodotto in vendita, analizzando fin nei minimi particolari il tipo di atmosfera che si vuole trasmettere.

Ed è proprio l’atmosfera ad interessarci particolarmente oggi, infatti, negli ultimi anni grandi e piccole aziende hanno approfittato di vasti spazi fieristici per evolvere, anno dopo anno, con design sempre più innovativi e moderni, tesi ovviamente ad attrarre il visitatore.

Vediamo ora quali sono i materiali migliori per l’allestimento del tuo stand fieristico.

Che si tratti di uno stand di fila, ad angolo, a penisola oppure a “L”, non ci sono limiti alla creatività ed alla fantasia per il designer, l’unica regola fondamentale è, infatti, il rispetto delle normative di sicurezza, scegliendo solo materiali ignifughi e che soddisfino tutti gli standard regolamentari dal punto di vista tecnico, valutando attentamente il montaggio, le caratteristiche del materiale ed i tempi di posa, senza dimenticare un occhio al budget.

Quindi, per compiere una prima scelta è necessario avere bene in mente che tipo di mood vogliamo trasmettere attraverso le texture ed i colori, scelta necessariamente legata al tipo di prodotto che trattiamo.

Spesso accade, infatti, che il materiale da noi prediletto, come  ad esempio il vetro o la pietra, sia costoso o molto difficile da montare e smontare rispettando le tempistiche dettate dalla fiera ospitante, ecco perché ci si rivolge sempre più spesso all’ausilio di pannelli in PVC oppure di legno, opportunamente rivestiti con pattern realistici o riproduzioni in vetroresina, decisamente più semplici da gestire e molto più economici di molte materie prime “originali”.

S come Stand, E come Ecosostenibile

È in decisa crescita, negli ultimi anni, l’attenzione all’ambiente e questo comporta, da parte di molti progettisti, la scelta di materiali green, che limitino l’impatto ambientale prodotto normalmente dall’uso di plastiche e materiali sintetici. In questo caso il legno sarà un alleato insostituibile, soprattutto se proveniente da legni derivati, ma anche il cartone ondulato si rivela una scelta azzeccata in termini di risparmio energetico, a maggior ragione se trattato con idropitture bio-ecologiche, prive di solventi e componenti petrolchimiche.

La difficile arte del Design

Le stesse considerazioni si applicano di fatto al design, gli allestimenti fieristici, infatti, devono molto al design ed all’arredamento, che dovrà essere pensato per rappresentare la mission aziendale e la cultura del prodotto che verrà esposto. Anche in questo caso, come per la scelta dei materiali, non c’è limite alla creatività , ma sarà solo la stretta cooperazione tra azienda e designer che saprà creare una sinergia positiva arrivando all’obiettivo che ci si è preposti.

Luci, materiali ed arredamenti, quindi, dovranno essere coerenti tra loro, tenendo conto dei trend in voga al momento dell’esposizione. Un trend per l’allestimento di stand fieristici da tenere assolutamente in considerazione è l’incremento di tecnologie incorporate alle strutture, soprattutto se interattive, di fatto in grado di offrire una customer experience degna di nota ed aumentando il coefficiente di visibilità del nostro spazio. È interessante anche valutare la scelta di creare ambienti esclusivi con stand completamente chiusi e ad ingresso controllato, i visitatori, infatti, saranno di certo incuriositi dalla presentazione dello spazio lungo il percorso fieristico e non tarderanno ad accalcarsi alla vostra porta. Le aree di privacy all’interno di uno spazio aperto come la fiera, inoltre, permetteranno a voi produttori di gestire ogni cliente con la giusta calma e professionalità che, si sa, spesso se non sempre, viene messa a dura prova dal caos dei padiglioni.

In alternativa i percorsi di luce sono un asso nella manica, soprattutto se ci troviamo a gestire spazi grandi ad alto rischio di dispersione, indirizzando invece il cliente verso il punto in cui a noi interessa intercettarlo e, di conseguenza, attirarlo verso il nostro prodotto.

Insomma, a prendere dal nostro prodotto, le soluzioni sono molteplici, affidati ai migliori esperti del settore per la realizzazione del tuo stand fieristico, ottenendo così i risultati sperati senza correre il rischio di incappare in scelte che potrebbero rivelarsi errate.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


StandFacile ® | LABzerocinque s.r.l.s. Via degli Artigiani, 51 50041 Calenzano, FI Firenze (Italy) | mail: | PEC:
phone: Visual Manager: Savio Brudetti 338-9918038 | PIVA: 06398120482 | C.F.: 06398120482 | REA: | CS: